EGALITÉ: QUANDO IL PANE FA LA DIFFERENZA

I do what I am. Il successo è una questione di coerenza. Esploriamo le storie di persone che facendo ciò che sono, ciò che amano e ciò che sentono, hanno espresso le loro migliori forze creative. E per questo li ringraziamo!

A Milano c’è un angolo di Francia al profumo di burro e Révolution. Quando l’hanno inaugurato, a fine aprile, ho pensato “Merde!” (en français), e poi je suis foutue (traduzione non necessaria). Io, che il pane lo compro raramente perché si sa i carbs poi dove vanno a finire, ho però un debole debolissimo per baguette e affini. E già mi vedevo la mattina uscire di casa presto per andare a comprare una baguette Molinarde e sbocconcellarla felice rientrando, come se fossi su una qualsiasi promenade della Côte e non su via Melzo in Porta Venezia. (Nulla contro via Melzo, per carità, ma il detto “se Milano avesse il mare” ci suggerisce che il mare a Milano non c’è. Donc…). Ho resistito alla tentazione giusto un paio di giorni, poi, complici i miei genitori in visita e la loro dipendenza da pane e glutine (deve essere ereditaria), ho ceduto. Inutile dire che i miei timori erano fondati. Avete presente quelle belle baguette calde dell’Esselunga? Ecco, dimenticatele. E il pain au chocolat, il croissant, la brioche che trovate magari nel bar sotto casa? Idem. E non solo perché qui il panettiere, anzi, il boulanger, è francese. Non solo perché le ricette, i macchinari, i forni, le farine, il burro, sono francesi. Non solo perché il pane Egalité, voluto da Robespierre e così chiamato perché – con il suo mix di farine bianche e integrali – metteva il pane dei ricchi e dei poveri sullo stesso piano, è buonissimo. Ma anche perché questo posto ha un’anima, un’anima bella. La respiri e la vedi: nell’arredamento, studiato da Vudafieri-Saverino, elegante e ironico, con la carta da parati blu-grigio che riproduce i personaggi della rivoluzione e della storia francese mentre brandiscono una baguette o una brioche (memorabili, rispettivamente, Napoleone e Maria Antonietta). Nello staff, per lo più italiano ma idealmente internazionale, perché cosa c’è di più universale e ugualitario del pane? Nella cura con cui sono esposti non solo i prodotti della panificazione, ma anche bottiglie di Cremant e Champagne di piccoli vignaioli, scatole di sardine dell’Atlantico affiancate a Mini Cetrioli in salamoia (gli stessi che mangiano all’Eliseo), Pastis e Tapenade, ingredienti chiave di un Apero à la Française da gustare con melanconiche Chansons in sottofondo.

E lo vedi in Thierry Loy, che ha dato vita a questo luogo e che ogni giorno affianca il suo team. Ed è lui il co-protagonista di questa storia che parla di passione, coraggio e vocazione. Bretone doc, ha vissuto in diversi luoghi, da ultimo in un villaggio sperduto sul versante francese del Monviso, nelle Hautes-Alpes. Ci arriva con la moglie a 40 anni, ed è lì che inizia la sua terza o forse quarta vita. Dopo essere stato ebanista (come il padre), modellista e massaggiatore, il desiderio di ricominciare da capo in un luogo lontano dallo stress delle metropoli lo porta a Molines-en-Queyras. Lo trova sfogliando la rivista Villages, che racconta di paesini sperduti di meno di 1000 abitanti alla ricerca di nuovi estimatori, disposti a trasferirsi. A Molines c’è una panetteria che cerca nuovi genitori. Le mani sono da sempre strumenti preziosi per Thierry, che questa volta le mette al servizio dell’arte della panificazione. La impara andando a scuola per poi affinarla, sommando al rispetto per la tradizione tutto il valore aggiunto dell’innovazione tecnologica di cui è fervo cultore. La affina così tanto che il giorno dell’inaugurazione, il 15 dicembre 2004, il primo cliente che acquista da lui una baguette, torna poco dopo con gli occhi sgranati e una domanda che ripete come un mantra: “che cosa diavolo ha fatto?!”. “C’è qualcosa che non va?” – risponde intimorito Thierry – è la nostra baguette…”. “È la più buona che io abbia mangiato, me ne dia 10”. La morale è che dopo due ore il pane previsto per tutta la mattina finisce e la fama di Thierry Le Boulanger inizia e prosegue per altri 14 anni. E allora come ci arriva un bretone con ambizioni da montanaro a Milano? Ci arriva grazie all’idea di un cliente-imprenditore milanese che spesso soggiorna a Molines e che intuisce il potenziale di Thierry nel capoluogo lombardo. La serendipità, ovvero la fortuna di fare felici scoperte per puro caso, esiste per tutti. Basta saperla vedere e soprattutto cogliere, mantenendo viva la curiosità. Thierry, che prende le decisioni sull’onda della passione e dell’entusiasmo, risponde alla chiamata. Dal suo forno piacevolmente a vista tira fuori da fine aprile senza sosta baguette e progetti per il futuro. In quello più prossimo sono previsti un déhors tra via Melzo e via Lambro ed eventi a tema (da non mancare quello del 14 luglio!), mentre più avanti sarà probabile trovare altri Egalité in giro per il mondo. E la passione, la vocazione? Quella va sempre coltivata, dice Thierry. E non ci sorprenderà trovarlo tra qualche anno mentre dà corpo a una nuova attività.

Egalité, Via Melzo 22, 20129 Milano
Mar – Sab 7:30 – 21:00 – Dom 8:30 – 13:00
info@egalitemilano.it    +39 02 83 48 23 18

Per essere sempre al passo con le news e ricevere contenuti esclusivi

Iscriviti alla newsletter

Lolaglam processes information about your visit using cookies to improve site performance, facilitate social media sharing and offer advertising tailored to your interests. By continuing to browse our site, you agree to the use of these cookies. For more information see our Privacy & Cookie Policy.

ACEPTAR
Aviso de cookies